C’era una volta una villa e ora non c’è più

7 Risposte

  1. Angela Paoletta ha detto:

    Bravissima Giovanna. . . La tua dolcezza,la tua pazienza e il tuo non arrabbiarti mai. . Mi hanno sempre lasciata a bocca aperta. . . Ho un bellissimo e dolce ricordo di te. . Con tanto affetto . . Angela Paoletta . . Ho letto ciò che hai scritto. . Mi hai emozionata. . Bravissima. . .

  2. Maria Baglivo ha detto:

    Ho letto con interesse, emozione, commozione, rabbia. Sembra di dover combattere contro i mulini a vento.

  3. Aurora ha detto:

    maledetti…. solo chi sà cosa vuol dire respirare polvere e mangiare un panino nelle trincee assolate degli scavi può capire il danno enorme, che non è solo materiale, culturale e storico. E’ anche individuale, intimo e profondo di fronte alla ignoranza. Di fronte a chi non capisce che la rinascita di una terra, può passare anche da questa bellezza….

  4. Mario Strano ha detto:

    Cara Giovanna mi hai commosso molto…Hai ragione, dobbiamo essere molto tristi, visto che c’è, nelle nostre stesse strade, chi è capace di distruggere in un attimo tutta la bellezza, UNICA, che tu e tante altre persone avevate portato alla luce, con infinito amore…

  5. Maristella ha detto:

    Lacrime e commozione

  6. Giovanna Baldasarre Giovanna Baldasarre ha detto:

    Grazie a tutti/e per i vostri commenti. Ho cercato con questo post di dar voce non solo al mio dolore, ma alla sofferenza che in questo momento stanno provando tutti gli archeologi e le archeologhe che negli anni hanno lavorato a Faragola. Oggi leggevo che quanto accaduto è paragonabile alla “strage Falcone-Borsellino” del patrimonio culturale italiano. Spero solo che da tutto questo possa venir fuori qualcosa di positivo.

  7. Donato ha detto:

    Un unico commento amaro, e ciò’ che questa nostra generazione sciagurata e sciocca sta lasciando ai nostri figli e nipoti……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *